Ottica DIECIDECIMI® - Glasstylist - Zeiss - Gentlemen SportAM

Glamour, Golf e Glasstyle

Glamour, Golf e Glasstyle: cosa può avere a che fare il mondo dell’ottica e il Glasstyle con il golf? Scopriamolo con Ottica DIECIDECIMI® – Glass Stylist

2 comments

Cosa può avere a che fare il mondo dell’ottica e il Glasstyle con il golf?

Il video dice già molto, ma per spiegarlo meglio prendo a prestito una citazione di Bobby Jones, leggenda del golf negli anni ’20: “Il buon golf si gioca in un campo di 14 centimetri: lo spazio tra due orecchie“.
Con questa affermazione Jones intendeva dire che il golf è uno sport in cui la mente gioca un ruolo fondamentale – e sicuramente aveva ragione. Tuttavia in quel “campo di 14 centimetri” non gioca solo il cervello, ma anche due dei suoi alleati più importanti: gli occhi! E gli occhi e il mondo della visione sono il luogo naturale dell’ottica sia per quanto attiene alla eventuale correzione, alla protezione in ogni condizione di luce e  – come ovvia conseguenza per me  – anche al glasstyle.

Sembra una forzatura? Forse, ma non è parso essere tale ai giocatori, tra cui molti ex campioni del mondo del calcio di Italia e Francia – e attuali giocatori di golf – che si sono incontrati sul green del Golf Club di Tolcinasco, alle porte di Milano, per sfidarsi nella edizione 2017 del torneo organizzato da Gentleman SportAM.

Ottica DIECIDECIMI® - Glasstylist - Gentleman SportAM - Zeiss

Nel weekend del 23 e 24 Luglio scorso, infatti, giocatori del calibro di Giuseppe Dossena, Daniele Massaro, Mauro Tassotti, Gianfranco Zola, Salvatore Fresi, Stefano Desideri, Paolo Cristallini e Stefan Schwoch per l’Italia e Alain Boghossian, Laurent Blanc, Eric Roy, Frederic Dehu e Bruno Blachon per la Francia si sono sfidati, insieme a un’altra ventina di ex compagni di calcio, a una versione tutta “swing” della storica tenzone che da tempo immemore vede contrapposte Italia e Francia.

E in tutto questo in che modo rientra Ottica DIECIDECIMI® – Glass Stylist?

Bé, abbiamo pensato di sfruttare – a modo nostro – l’affermazione di Bobby Jones e, grazie al supporto degli organizzatori di Gentleman SportAM e al supporto di Zeiss per le lenti e di Giorgio Valmassoi 1971 e O-SIX Eyewear per le montature, ci siamo recati a nostra volta nei pressi del green per far provare ai nostri campioni l’importanza di una lente appositamente studiata per il gioco del golf, quale è la Zeiss ProGolf. L’idea si basava sul piacere di far testare ai giocatori le qualità ottiche della lente direttamente sul green, indossando una montatura non necessariamente dal taglio sportivo ma un prodotto di grande qualità tutta italiana, che ho avuto il piacere di selezionare e consigliare ai giocatori per non tralasciare l’aspetto a mio avviso più importante affinché qualcuno decida di indossare un occhiale che sia per necessità o meno: il glasstyle e la simbiosi con lo stile e look di chi lo indossa.

Si dice che dagli errori nascono le cose migliori, dopo questa esperienza posso confermarlo anche io! Organizzare sotto l’igloo, che Zeiss ci ha messo a disposizione, una struttura adeguata a esplodere la mia idea di glasstyle in una sede diversa da DIECIDECIMI®, è stata un’impresa non semplicissima… e qualcosa anche nelle organizzazioni più meticolose può sempre sfuggire. Detto in due parole: ho dimenticato di portare uno specchio! Se la cosa in un primo momento mi ha spaventata, presto si è trasformata in una splendida opportunità. In un momento storico in cui il futuro visto dalle grandi aziende leader del settore dell’ottica si dipinge di una realtà virtuale basata su algoritmi che ti studiano il viso per “consigliarti l’occhiale più giusto” (operazione che preconizza variegate strategie commerciali di cui magari parleremo), mi sono ritrovata a offrire lo specchio dei miei occhi ai miei interlocutori: il terzo occhio allo stato puro, quello che ti consiglia fuori dai tuoi schemi mentali cose che non avresti mai scelto e ho ricevuto fiducia, in pieno stile glasstylist! Lo confesso in qualche occasione abbiamo usato il cellulare come specchio (unica realtà virtuale che ci siamo concessi) ma il piacere di guardare negli occhi i miei giocatori – eh dai un pò miei lo sono adesso 🙂 – studiarne le linee del viso, selezionare la montatura che ne esaltasse i tratti o il colore che creasse il giusto contrasto e sentirli fiduciosi non ha prezzo. Sul green hanno poi provato la lente Zeiss ProGolf: qualcuno non è riuscito più a toglierli per tutte le buche, perché le proprietà di assorbimento selettivo della luce che esaltano il contrasto sul green, ha catturato i loro occhi e convogliato i loro swing.

E il Glamour?

E’ presto detto: qualche giocatore ha tenuto gli occhiali durante le interviste con i network televisivi e le testate giornalistiche, altri li hanno messi anche la sera e capitan Dossena è venuto a chiedermi come avessi fatto a mettere degli occhiali che stessero bene a tutti….Glamour, Golf e Glasstyle operazione conclusa felicemente!

Inoltre, personaggi dello spettacolo quali Stefano Masciarelli (per altro anche ottimo giocatore di golf), giornalisti come Claudia Peroni, esperti di moda e stile come Eduardo Tasca, attrici come Simona Borioni e, soprattutto, le meravigliose mogli dei giocatori, ci hanno permesso di testare appieno le nostre capacità di glasstylist, grazie ovviamente al supporto fondamentale di altri due produttori italiani d’eccezione, quali Ultralimited e Les Pièces Uniques.

Onestamente, se dovessi scrivere tutto quello che è successo in questo lungo weekend di Golf Glamour e Glasstyle finirei per realizzare un tomo enciclopedico. Pertanto penso sia meglio lasciare spazio alle tante immagini (che potete trovare anche sui nostri profili Instagram e Facebook). Mi preme però sottolineare almeno un paio di cose.

I giocatori: non sono una tifosa e a essere onesta non posso dire che li conoscessi tutti. Tuttavia posso dire che si sono rivelati tutti non solo molto simpatici e gentili ma anche estremamente aperti e curiosi: farsi consigliare la montatura da una persona sconosciuta quale sono io e accettare di indossare delle lenti nuove e particolari come le Zeiss ProGolf, magari rinunciando al proprio occhiale di sempre, non è oggettivamente una cosa che mi sarei aspettata. Ancor di più considerando l’interesse dimostrato all’atto della ‘selezione’ e i commenti, tutti estremamente positivi, ricevuti alla fine del percorso di gioco. Una esperienza significativa e costruttiva sia per noi di Ottica DIECIDECIMI® – Glass Stylist, sia per i giocatori, sia per le lenti Zeiss ProGolf e le montature Giorgio Valmassoi 1971O-SIX Eyewear .

I nostri partner: che aziende come Giorgio Valmassoi 1971O-SIX EyewearUltralimitedLes Pièces UniquesZeiss si prestassero a una iniziativa del genere non era scontato. Al contrario ci hanno sostenuto e hanno creduto in questo progetto rendendolo, di fatto, possibile. Un grazie di cuore quindi a tutte queste aziende che, indipendentemente dalle dimensioni, hanno deciso di prendere fattivamente parte alla nostra particolare iniziativa che, in qualche modo, mirava a portare l’ottico al di fuori del negozio di ottica laddove consigliare una “buona e bella finestra” sul mondo è necessario. Siamo entrati per una volta noi nel mondo dei nostri utenti finali, in un momento di svago e sport in cui si gioca su lunghissimi e immacolati campi verdi che a camminarci sopra sembrano fatti di velluto ma che poi, quando tutto tace intorno a chi si appresta a colpire la palla, si concentrano in quel famoso e fondamentale campo da 14 cm.

Ottica DIECIDECIMI® - Glasstylist - ProGolf

Yvon Franzoni (Gentlemen SportAM): ovviamente direi 🙂 Anche per Yvon un grande ringraziamento per avere aperto le porte della Ryder Cup a un piccolo negozio di ottica. Più in generale, senza Gentleman SportAM tutto quanto abbiamo vissuto in questa due giorni… semplicemente non sarebbe potuto accadere!

Più in generale: i commenti dei giocatori e la loro partecipazione, l’interesse di tutti i personaggi che hanno gravitato intorno all’iniziativa – compresi i golfisti iscritti al club – e la disponibilità dei nostri partner Zeiss ProGolfGiorgio Valmassoi 1971O-SIX EyewearUltralimitedLes Pièces Uniques mi hanno confermato che l’ottica, e più in generale il mondo degli occhiali, non è e non deve necessariamente essere fatto di rastrelliere stracolme di prodotti più o meno brandizzati e macchinari di ultima generazione ultra-tecnologici. La sensibilità umana, la sua intuizione, l’estro e la capacità di selezionare prodotti sulla base della loro effettiva qualità e specializzazione fanno e devono continuare a fare la differenza… per giocare al meglio la partita che si disputa ancora in quel “campo di 14 centimetri: lo spazio tra due orecchie”.

E non dimentichiamo ovviamente la classifica finale del torneo!

Ottica DIECIDECIMI® - Glasstylist - Zeiss ProGolf

E’ stata una faticaccia, ma ci siamo divertiti da morire … la mia sfilata in Les Pièces Uniques a braccetto con Stefan Schwoch lo dimostra ampiamente!

Non posso chiudere questo blog senza ringraziare Monica Rossetti che è riuscita a catturare l’essenza dell’evento nei suoi bellissimi scatti. Un grazie di cuore anche Marco Selvi e Stefano Piovesan per il loro supporto e ad Alessandro Felloni, Alessandra Arigò e Ketty Arigò che sono stati i nostri ospiti speciali dentro all’igloo.

Infine grazie a Daniele Falzone senza il quale molte cose non sarebbero possibili.

Ci aspetta un autunno ricco di eventi e novità….stay tuned!

Franca

2 comments on “Glamour, Golf e Glasstyle”

  1. In qualità di partecipante al torneo, desidero fare i complimenti a tutta l’organizzazione per la perfetta riuscita dell’evento. Ringrazio altrsì tutti gli sponsor ed in particolare l’ottica Duecidecimi per averci omaggioato di occhiali bellissimi con lenti straordinarie per noi giocatori di golf.Grazie di cuore !! Paolo

    1. Grazie di cuore a te Paolo per queste parole, hanno un peso per me particolare perchè arrivano da un professionista del mio settore con esperienza trentennale che sa bene come lavorare con passione sia difficile in un mondo in piena evoluzione.
      Alla prossima:-)

Rispondi