Glasstylist Factory Days - Ottica DIECIDECIMI®

Glasstylist Factory Days

Glasstylist Factory Days, un incontro esclusivo per una conoscenza diretta tra chi produce, chi seleziona e chi sceglie il suo occhiale.

7 comments
English text below 

… un incontro esclusivo tra chi produce, chi seleziona e chi sceglie il suo occhiale. Il produttore, l’ottico e il cliente finale a stretto contatto per una conoscenza diretta della filiera indipendente che crea il valore dei prodotti che abbiamo scelto di mettere in vetrina.  Un’idea che nasce dalla vita di tutti i giorni di un ottico ottimista che cerca di vedere le opportunità celate nelle difficoltà….provo a raccontarvela.

 

Da quando lavoro in DIECIDECIMII® Glasstylist ho studiato attentamente il settore commerciale nel quale mi sono ritrovata. Non nasco ottico, lo sono diventata in un momento in cui aggredito dalla crisi il settore dell’ottica ha mutato totalmente la sua pelle. Ho avuto la possibilità di osservarlo vivendo la vita di tutti i giorni in negozio senza saltare nessun passaggio dal mantenere l’ambiente pulito e confortevole alla selezione di montature e lenti da proporre, all’attenzione puntata su professionalità, prodotto e cliente finale fino alle strategie commerciali degli attori più importanti del settore.

Ho visto sgretolarsi giorno dopo giorno a suon di catene e globalizzazione il concetto di “ottico di fiducia” così caro agli addetti ai lavori. Ho accompagnato gentilmente alla porta chi voleva imporre numeri e regole che guardavano più al suo tornaconto che alla sopravvivenza del mio negozio e ho spalancato le porte a chi voleva davvero lavorare con me. Il risultato è la soddisfazione dei miei clienti e dei miei fornitori e l’orgoglio di tirare su la claire ogni giorno in Piazzale Baracca a dispetto di tutto (anche di chi ha impropriamente utilizzato il nome registrato del mio negozio …).

Ma ogni mattina penso che bisogna fare di più.

Ho di recente visto una vecchia intervista a Leonardo Del Vecchio, persona a cui bisogna solo fare chapeau per la sua tenacia trasformata in risultati favolosi e incontestabili.

Quando vedi una persona  di tale esperienza che racconta il suo vissuto con gli occhi lucidi non puoi che restarne affascinato. Ed è ciò che mi  è capitato sopratutto perché il suo racconto nell’intervista ha girato nella mia testa per giorni e settimane fino ad approdare a un concetto fondamentale da cui, di fatto, nascono i Glasstylist Factory Days.

Il concetto cardine che è alla base dell’impero costruito da Del Vecchio è “non dipendere mai da nessuno”. Così, risalendo la filiera, ha creato (e continua a creare) un unico canale che dalle idee scorre sempre più veloce fino al cliente finale, che raccoglie dalla rastrelliera i prodotti  e tra pochissimo si lascerà consigliare da un assistente digitale.

Superlativo, ma forse fortemente riduttivo.

L’ indipendenza di un singolo sull’intera filiera porta ad una realtà in cui chi sceglie ogni singolo passaggio è la stessa mente, lo stesso sistema, la stessa logica di produzione. Forse sbaglierò, ma ritengo che questo non possa produrre “l’indipendenza creativa” che è sempre stata alla base di questo settore come di qualsiasi altro settore che si fonda sulla forza delle idee e delle mani che lavorano.

L’indipendenza vera a mio avviso è quella che si genera dal rispetto della libertà e dell’autonomia del singolo, quella che valorizza ogni singolo attore della filiera: chi ha l’idea e la disegna, chi la realizza, chi la comprende e tocca con mano i risultati e quindi la porta in giro, la racconta e si assicura che nel tragitto non perda la sua forza.

E infine l’ottico, che seleziona i prodotti in base a dettagli tecnici, al gusto dei suoi clienti e in base alla sua sensibilità di respirare l’aria della città, del quartiere o del piccolo paese in cui vive.

Glasstylist Factory Days - Ottica DIECIDECIMI® - Dandys Eyewear

Gli occhiali che arrivano nelle vetrine sono così il risultato di un circolo virtuoso che solo una filiera libera e indipendente può creare perchè alimenta l’unicità e la creatività che di natura vive senza catene.

I Glasstylist Factory Days nascono da questa idea, dall’esaltazione dell’indipendenza della filiera del settore dell’ottica perchè solo se la proteggiamo possiamo sperare di salvaguardarne il patrimonio di idee che si realizzano nelle mani di prestigiosi artigiani indipendenti.

Ecco perchè vogliamo creare un filo diretto tra i clienti finali e i nostri fornitori trasformando per i 3 giorni che dedicheremo ad ogni appuntamento la nostra DIECIDECIMI® Glasstylist in uno temporary showroom dedicato ai marchi selezionati.

Il cliente finale avrà la possibilità di conoscere direttamente le persone che lavorano nelle aziende che selezioniamo. Potranno vedere i bozzetti su cui raccolgono le idee, i materiali, gli strumenti e in alcuni casi veder realizzare un’occhiale dal vivo.

 

Inoltre il cliente avrà la possibilità di vedere durante i tre giorni di evento tutta la collezione dell’azienda ospite declinata nei colori e nei modelli presentati agli ottici nelle ultime fiere di settore, dal DaTE, al Silmo di Parigi al più recente Mido milanese.

Solitamente, come ogni ottico di fiducia, proponiamo in negozio una selezione di montature dei nostri fornitori  ma in occasione dei Glasstylist Factory Days  vogliamo aprire una finestra su tutta la collezione dell’azienda che ospitiamo, un mondo solitamente non accessibile al cliente finale, affinché possa apprezzare come noi la qualità dei prodotti, la bontà delle idee e la passione che le persone mettono nel loro lavoro e nelle loro aziende.

Glasstylist Factory Days - Ottica DIECIDECIMI®

L’incontro tra produzione, selezione e cliente finale è un progetto che mi sta particolarmente a cuore perché nasce dalla volontà di dimostrare che il nostro settore è vivo e brulica di professionisti che, nonostante il prolificare di rastrelliere un pò ovunque, continua a promuove la qualità dei prodotti e del lavoro di chi li produce fuori da logiche commerciali restrittive e vincolanti, in un circolo indipendente virtuosissimo.

Spesso capita che la mattina un ottico come me mandi giù un sorso di caffè amaro alla notizia di una fusione, di un accordo milionario, di una nuova catena che dal centro europa avanza a suon di sconti. Mi piace pensare che quello stesso ottico possa alzarsi una mattina e trovare uno spunto tra queste righe per tentare di mescolare le carte e promuovere a suo modo il circolo virtuoso. Indipendente.

 

Glasstylist Factory Days è un progetto già vivo che prevede almeno 4 appuntamenti nei prossimi 4 mesi. Il primo appuntamento è per il 19/20/21 aprile quando DIECIDECIMI® Glasstylist si trasformerà per ospitare l’intera collezione Dandy’s della Faoflex… ma tutti i dettagli meritano assolutamente uno spazio dedicato che è in arrivo!

Devo tenervi un attimo invece sulle spine in merito agli incontri successivi perché mentre scrivo sono in attesa delle ultime conferme… ma posso anticiparvi che ne vale davvero la pena!

Keep safe & stay tuned!

Franca


For my English Friends….

… an exclusive meeting between those who produce the glasses, those who select them and those who choose and wear them. The manufacturer, the optician and the final customer eventually meet to appreciate together the independent supply chain that creates the value of the products we have chosen to showcase. An idea that comes from the everyday life of an optimistic optician who tries to see the opportunities hidden behind the difficulties …. I try to tell you about it.

Since I started working in DIECIDECIMI® Glasstylist I have carefully studied the commercial sector I decided to step in. I didn’t born as an optician, I became an optician.

In the meantime I had the opportunity to observe this world, living the shop daily life: from keeping the shop clean and cozy, to the selection of frames and lenses to be proposed to the clients, to the commercial strategies of the most important actors around this sector.

I have seen the concept of “family optician”, so precious to the old pros, crumble day by day under new-born chain-stores and the globalization. I kindly accompanied to the door those who wanted to impose numbers and rules aimed more to their own advantage than my shop benefit, while opened the doors to those who really wanted to work together with me. The result is the satisfaction of my customers and suppliers and the pride of raising the claire every day in Piazzale Baracca in spite of everything (even those who have improperly used the registered name of my shop …).

But it’s not enough!

I recently saw an old interview with Leonardo Del Vecchio, a person whose tenacity, transformed into fabulous and undeniable results, deserves only hats-off.

When you see a person of his experience who tells his story with eyes almost weeping, you can only get fascinated. And that’s what happened to me, especially because his story began to spin in my head for days and weeks, until it revealed the fundamental concept from which the Glasstylist Factory Days born.

The key concept behind the empire built by Del Vecchio is “never rely on anyone”. Thus, climbing backwards the supply chain, he created (and continues to create) a single channel, flowing faster and faster from the ideas to the end customer, who collects the products from the rack while allowing a cold digital mirror to advise about your own perfect style.

Amazing, but potentially diminishing.

The autonomy of an individual vs the entire supply chain leads to a reality in which every decision belongs to the same mind, the same system, the same production logic. I can be wrong, but I believe this approach cannot produce the “creative independence” that has always been at the base of this sector, or any other sector grounded to the strength of the ideas and dirty hands.

The true independence, in my opinion, is expressed by the respect for the freedom and autonomy of the individuals, the appreciation of every single actor in the supply chain: the one who has the idea and brings it to life, the one who understands it, try and explain it, making sure that it does not lose its strength.

And finally the optician, who selects the products evaluating the technical details, the customers’ preferences and his own awareness of the city surroundings, the neighborhood or the block in which he lives.

The glasses showing to the shop windows are thus the result of a virtuous circle that only a free and independent supply chain can create, because it nourishes the uniqueness and the creativity that naturally lives without chains.

The Glasstylist Factory Days belong to this idea, the celebration of the optician sector supply chain independence, because only if we protect it we can hope to safeguard the heritage of ideas crafted by prestigious and independent artisans.

That’s why we want to create a direct line between the end consumer and our suppliers, by transforming our DIECIDECIMI® Glasstylist shop in a temporary showroom dedicated to selected brands, for the 3 days that we will dedicate to each event.

Visitors will have the opportunity to meet in person the artisans working for the brands we select. They will be able to see the sketches on which they gather the ideas, the materials, the instruments and, in some cases, see the live creation of a brand new spectacle. In addition, for three days of the event, the entire brand products’ collection will be available, declined in the colors and models presented to the opticians during the latest fairs, from the DaTe, to the Silmo in Paris to the most recent Mido Milanese.

Like any optician, we usually offer just a selection of the frames produced by our suppliers. However, during the Glasstylist Factory Days we want to open a window to the entire collection of the brand we host, a world usually not accessible to the final user, so that everyone can appreciate, as we do, the quality of the products, the goodness of the ideas and the passion that people put in their work and in their brands.

The meeting between production, selection and final consumer is a project that is particularly precious to me, because it comes from the desire to show that our sector is alive and bustling with professionals who, despite racks sprouting almost everywhere, keep on promoting the quality of the products and the work of those who produce in a virtuous and independent circle.

Often happens that in the morning an optician like me swallows a sip of bitter coffee reading the news of a merger, of a millionaire agreement, of a new shop-chain marching down from the center of Europe at the sound of discounts. I like to think that the same optician can get up one morning and find an inspiration between these lines, and raise up to try to mix the cards on the table and promote this virtuous circle in his own way. Independent.

 

Glasstylist Factory Days is already on the verge to start, with at least 4 appointments scheduled by the next 4 months. The first appointment is set by April 19th to 21st, when DIECIDECIMI® Glasstylist will host the whole Dandy’s collection by Faoflex … but all the details deserve absolutely a dedicated space that is coming!

I have to hold back before introducing the next events, because I am waiting for the latest confirmations while I’m writing … but I can reveal in advance that it will be really worth it!

Keep safe & stay tuned!

Franca

7 comments on “Glasstylist Factory Days”

  1. Non è una promo ma un articolo bellissimo. Una storia da raccontare e narrare più volte. Un segreto da svelare. Niente di nuovo ma è qua l’originalità della cosa. mettere in fila secondo una logica virtuosa la creatività, il design, la ricerca dei materiali, la migliore tecnologia ( italiana ) delle lenti ottiche e proporre un prodotto al cliente valorizzato in ogni suo passaggio.
    Complimenti. Anche al sottoscritto che non ha mai cessato di apprezzare questo approccio.

  2. Grazie Carlo! Siamo onorati di avere clienti così attenti che continuano a sceglierci proprio per il nostro approccio. Complimenti a te quindi! Ti aspettiamo nei nostri Glasstylist Days per condividere insieme la nuova esperienza.

Rispondi