DIECIDECIMI® Glasstylist® - Vedere International - Speciale Mido 2022

Re-MIDO

Chi è restato fermo nella convinzione che bastasse riaccendere le luci per riprendere il proprio posto a sedere rimarrà deluso perché nulla è restato come prima

No comments

Dal numero di Vedere International – Speciale Mido 2022

Ed è di nuovo MIDO.
Per noi tutti MIDO ha un forte valore simbolico ora più che mai perché è alle soglie del suo cinquantesimo compleanno che ci siamo fermati di colpo, con il fiato in gola per la corsa e l‘incredulità del silenzio che sostituiva il fragore della festa.

DIECIDECIMI® Glasstylist® - Vedere International - Speciale Mido 2022 - 01

Sembra ieri. Sono invece anni. 
Chi è restato fermo nella convinzione che bastasse riaccendere le luci per riprendere il proprio posto a sedere è rimasto o rimarrà deluso perché a luci spente nulla è restato al suo posto. Il mondo  è un luogo in continuo movimento e va sempre avanti spinto da chi non si arrende e una strada la trova anche da solo al buio scavando a mani nude per trovare una fonte da cui bere. C’è chi nella solitudine ha trovato la forza e il coraggio di avvicinarsi agli altri e capire quanto sia importante il valore delle persone prima dei numeri. La condivisione sana, rispettosa, libera sperimentata in questi anni tra ottici indipendenti è un valore conquistato e inalienabile e spesso votato alla ricerca dell’identità attraverso la constatazione delle differenze. Sono le persone a contare e paradossalmente non i numeri. La digitalizzazione ci ha spinti ad una forma di condivisione del valore delle persone da riportare magicamente al centro della co

DIECIDECIMI® Glasstylist® - Vedere International - Speciale Mido 2022

municazione di moltissime aziende (oftalmica, lac, montature ma anche riviste di settore) gli ottici. E’ bellissimo osservare questo processo dall’interno perchè gli ottici sperimentano ogni giorno il r

DIECIDECIMI® Glasstylist® - Vedere International - Speciale Mido 2022

uolo di sintesi di una miriade di argomenti agli occhi del cliente finale,  un ruolo difficilmente sostituibile ma che opportunamente supportato chiude un cerchio perfetto.
Tuttavia non possiamo affrontare il presente e la gioia di rincontrarci senza constatare il buio del mondo che ci circonda appena fuori dalle finestre della nostra fiera. Il rovescio della medaglia della condivisione “pandemica” che ha condotto alla consapevolezza del valore delle persone è stata la solitudine e il buio dell’anima. Come spiegarsi altrimenti ciò che vediamo da mesi? Cosa può portare alla ferocia della distruzione se non la miopia della solitudine?

DIECIDECIMI® Glasstylist® - Vedere International - Speciale Mido 2022

Approccerò Mido con il cuore pieno di gioia sapendo che incontrerò occhi che sorridendo miracconteranno i prodotti prima che io li veda e li tocchi. Persone prima che occhiali. A Mido stringerò mani che hanno vissuto tate notti insonni e difficili alla ricerca del particolare perfetto, dell’identità, del valore. E confesso, cercherò tra le mille proposte occhiali che con il loro intrinseco valore, fusione di materia e anima, permettano di vedere bene e nitidamente un mondo fatto di pace.
————————–
For my English friends
And it’s MIDO all over again.
For all of us MIDO has a strong symbolic value now more than ever because it was on the threshold of his fiftieth birthday that we stopped abruptly, with our breath in our throats and the incredulity of the silence that replaced the din of the celebration.
It seems like yesterday. Instead, it’s years.
It seems like the same world, it is instead a deeply different world.
Those who have remained still in the belief that it was just the matter of turning on the lights to resume their seats have remained or will remain disappointed because with the lights off, nothing has remained in its place. The world is a place in continuous movement and it is always moving forward, driven by those who do not give up and find a way even alone in the dark, digging with their bare hands to find a source of fresh water to drink from. There are those who, in their own solitude, have found the strength and courage to approach others and understand how important the value of people is before numbers. The healthy, respectful, free sharing experienced in these years between independent opticians is a conquered and inalienable value and often devoted to the search for identity through the observation of differences. It is people that count and paradoxically not numbers. Digitization has pushed us to a form of sharing the value of people that has magically brought opticians back to the center of communication for many companies (ophthalmic, lac, frames but also trade magazines). It’s great to observe this process from the inside because opticians experience every day the role of synthesizing a myriad of topics in the eyes of the end customer, a role that is difficult to replace but that, when properly supported, closes a perfect circle.
However, we cannot face the present and the joy of meeting again without noticing the darkness of the world that surrounds us just outside the windows of our showroom. The flip side of the coin of the “pandemic” sharing that led to the awareness of the value of people was loneliness and the darkness of the soul. How else to explain what we have been seeing for months? What can lead to the ferocity of destruction if not the short-sightedness of loneliness?
I will approach Mido with a heart full of joy, knowing that I will meet smiling eyes that will tell me about the products before I see and touch them. People before glasses. At Mido I will shake hands that have spent many sleepless and difficult nights searching for the perfect detail, identity and value. And I confess, I will search through the thousands of proposals for glasses that, with their intrinsic value, a fusion of material and soul, will allow me to see clearly and distinctly a world made of peace.

Rispondi